Pros

Cons

Get in Now!

Ci sono molti elementi interessanti in questa carta. Per uno, il silicio Navi 12 è stato utilizzato principalmente in un altro prodotto grafico AMD: la Radeon Pro 5600M per laptop, in particolare il modello MacBook Pro da 16 pollici di Apple. È stato utilizzato anche nella Radeon Pro V520, anche se probabilmente in quantità molto inferiori, e questa sembra essere la base per il design del BC-160. È interessante notare che ora apparentemente ci sono abbastanza chip in eccesso che AMD sta consentendo ai partner di riutilizzare le GPU per le schede di mining. Poi di nuovo, con Apple che ha spostato la sua linea MacBook Pro sui propri M1 Pro e M1 Max, ci sono buone probabilità che non abbia un reale desiderio di GPU AMD aggiuntive dal 2020.

Un altro punto interessante è che queste schede di mining XFX sono alimentate da due connettori PEG a 8 pin. Considerando che un singolo connettore a 8 pin può fornire 150 W di potenza e lo slot PCIe x16 può fornire altri 75 W, inserire due connettori sulle schede sembra eccessivo. Anche in questo caso, si trattava di chip originariamente utilizzati nei laptop, dove erano stati ottimizzati per consumare molto meno di 150 W - 50 W, per essere precisi. L’AMD Radeon Pro V520 aveva un TGP da 225 W, tuttavia, e simile alla BC-160 utilizzava un design di raffreddamento a ventola singola, che dovrebbe essere adeguato per raffreddare le schede considerando i carichi di lavoro che dovrebbero gestire. Il mining di Ethereum sollecita la VRAM più di ogni altra cosa e gli screenshot indicano un consumo energetico di circa 120 W.

L’uso di HBM2 fa parte del design del Navi 12, ma almeno sui modelli MacBook Pro ha un clock relativamente basso di 1540 MT/s. Anche con un bus a 2048 bit, sono solo 394 GBps di larghezza di banda, mentre i modelli desktop 5700 XT GDDR6 avevano un’interfaccia a 256 bit e funzionavano a 14 Gbps per 448 GBps di larghezza di banda. Gli screenshot mostrano il mining del BC-160 a “1275”, che sembra più lento del modello MacBook Pro, ma è probabile che sia il doppio della velocità in MT/s, il che significa 652,8 GBps di larghezza di banda dopo l’overclocking.

AMD BC-160

Ciò spiegherebbe come la scheda gestisce 70 MH/s nel mining di Ethereum, dove l’RX 5700 XT dopo la messa a punto raggiunge il massimo a circa 55 MH/s. A stock, la HBM2 probabilmente gira alla stessa velocità di 2000 MT/s dell’AMD Radeon Pro V520, il che porterebbe l’hashrate al target di 60 MH/s. In altre parole, il BC-160 offre più larghezza di banda rispetto alle GPU Navi 10 altrimenti simili che utilizzavano GDDR6.

Essendo una scheda mineraria, questi sono design senza testa, quindi non c’è output di visualizzazione. Ciò significa che sfortunatamente queste schede soddisferanno sempre uno scopo unico e non saranno mai tra le migliori schede grafiche per i giochi. Sono praticamente progettati esclusivamente per i minatori, potenzialmente tenendo detti minatori lontani dalla serie RX 6000 orientata al gioco. Peccato, e mostra ancora una volta che le società di schede grafiche sono più che felici di dare la priorità alle schede di mining se è lì che possono guadagnare di più dalle vendite.

Il BC-160 di XFX si unisce alle schede di mining “non ufficiali” X080 e X060 di Sapphire. Guardando come le schede differiscono nel loro design, sembra sicuro dire che AMD non sta fornendo ai partner AIB un design di riferimento orientato al calcolo blockchain. Invece, i partner di AMD sono quelli che stanno progettando queste schede attorno al silicio AMD. È probabile che AMD realizzi gli stessi guadagni indipendentemente dal fatto che le GPU finiscano nella serie RX 6000, nella serie RX 5000 o nei prodotti di mining di criptovaluta. Sfortunatamente, ciò significa anche meno scorte per le schede orientate al gioco, poiché entrambe le schede minerarie Navi 12 di XFX e Navi 22 di Sapphire consumano entrambe chip a 7 nm che altrimenti sarebbero potute entrare nel segmento dei giochi.

Sulla base delle prestazioni di mining e del consumo energetico, il BC-160 si classificherebbe probabilmente bene nella nostra lista delle migliori GPU per il mining. Tuttavia, il suo sottosistema di memoria HBM2 aumenta il prezzo. L’X080 con le migliori prestazioni di Sapphire ha un prezzo stimato di circa 800 Euro, mentre il nuovo XFX BC-160 è quotato su Aliexpress per 2.000 euro. È più di quanto costi per una RTX 3080 Ti, utilizzando i prezzi della GPU di eBay, che possono raggiungere circa 80 MH/s. È disponibile anche un video delle schede XFX BC-160 nel loro ambiente di mining (e il rapporto sull’hashrate, alle 3:38), che puoi vedere di seguito.