Product Specification

  • Processore: Intel Core i5-1135G7
  • RAM: 8GB
  • Memoria: 512GB SSD
  • Schermo: 15,6 pollici

Pros

  • Buon valore
  • Telaio rigido in lega di alluminio
  • Sottile e leggero per un laptop da 15,6 pollici

Cons

  • Visualizzazione media
  • Nessuna retroilluminazione della tastiera
  • Webcam posizionata in modo scomodo
Get in Now!

Recensione Huawei MateBook D15: cosa c’è da sapere

La buona notizia è che il MateBook D15 di Huawei 2021 sembra soddisfare questi severi requisiti. È un laptop semplice e senza fronzoli con dimensioni decenti, qualità costruttiva decente, specifiche decenti e design decente, ed è tutto tuo a un prezzo decente. Ho detto che generalmente è abbastanza decente?

Ora, non pensare che decenza sia un’altra parola per noioso. Al contrario, in effetti: il modello 2020 del D15 è stato a lungo uno dei preferiti ed è anche stato nella nostra lista dei migliori laptop per un po' di tempo.

Recensione Huawei MateBook D15: prezzo e concorrenza

C’è una sola versione in vendita del nuovo MateBook D15 e costa 800 euro. Per quei soldi, ottieni un processore Core i5 di undicesima generazione, un SSD da 512 GB, 8 GB di RAM e un display IPS Full HD. Nel momento in cui scriviamo, Huawei ha in bundle anche un mouse Bluetooth gratuito del valore di 40 euro e uno speaker Sound X del valore di 150 euro, che è piuttosto generoso.

Recensione Huawei MateBook D15

La concorrenza più ovvia viene dalla D15 dell’anno scorso. La versione Core i3 con SSD da 256 GB e 8 GB di RAM è ora disponibile per 500 euro mentre la versione con processore AMD Ryzen 5 3500U ha un valore ancora migliore a 450 euro.

Recensione Huawei MateBook D15: Design e qualità costruttiva

Fisicamente parlando, il D15 del 2021 è una suoneria morta per il modello 2020. Non sono sicuro che si tratti di un caso di “se non è rotto, non aggiustarlo” o di pigrizia nel reparto design di Huawei, quindi siamo generosi e assumiamo il primo. Le dimensioni e il peso del laptop – 358 x 230 x 17 mm e 1,56 kg – sono estremamente portatili e l’impressionante chassis rigido in lega di alluminio Space Grey è altrettanto sontuoso.

Ciò significa che il D15 è ancora un notebook solido, intelligente, compatto e leggero oggi come lo era un anno fa. La preoccupazione di Huawei per il peso e la portabilità si è estesa anche all’alimentatore da 65 W, con un affare sottile da 160 g con un terzo polo retrattile.

La tastiera fa il suo lavoro abbastanza bene: è spaziosa e silenziosa, anche se l’azione sembra solo un po' morta e priva di feedback. Non c’è retroilluminazione, tuttavia, che al prezzo è un po' avaro, ma il trackpad Precision da 120 x 73 mm non ha tendenze ribelli e l’azione del clic ad ogni angolo è soddisfacentemente positiva.

Un’altra nota secca è che, come è tipico dei notebook Huawei, la webcam è un affare pop-up nascosto sotto un falso tasto tra F6 e F7. È un design stupido il cui unico merito è quello di offrire ad altre persone una visuale senza ostacoli dalle narici durante le chat di Zoom. Una posizione più premurosa è il pulsante di accensione combinato e lo scanner di impronte digitali, che è ben separato dalla tastiera reale.

La gamma di porte non è cambiata dal 2020, quindi hai tre porte USB di tipo A – due 2.0 e una 3.2 Gen 1 – e una porta di tipo C 3.1, che funge anche da presa di ricarica. L’uscita video è gestita da una porta HDMI 2.1 e c’è anche un jack audio da 3,5 mm. Una cosa da notare è che la porta di tipo C non offre l’uscita video DisplayPort o Thunderbolt.

Il modulo Wi-Fi Intel AX201 supporta Wi-Fi 6 e Bluetooth 5.1 e c’è un chip NFC per facilitare il pratico sistema di collegamento telefonico Condividi di Huawei, anche se purtroppo funziona solo con i dispositivi Android/EMUI 11 di Huawei. È un peccato, perché utilizzarlo per connettere istantaneamente il telefono e rispecchiarne il display sul desktop di Windows è davvero utile. Se Huawei lo aprisse a tutti i telefoni Android, ammesso che sia tecnicamente possibile, aumenterebbe sicuramente le vendite di laptop.

Un altro software Huawei su misura è il PC Manager. Questo può essere utilizzato per mantenere aggiornati tutti i driver e per mettere il D15 in una speciale modalità Performance, che fa funzionare le ventole di raffreddamento più velocemente e il processore più forte.

La parte inferiore del D15 può essere rimossa facilmente una volta svitate le dieci viti Torx T5 che lo tengono in posizione, con la possibilità di sostituire l’SSD (gli slot RAM e la scheda Wi-Fi non sono accessibili). Stranamente, tuttavia, mentre c’è spazio per un HDD da 2,5 pollici, non c’è modo di collegare il cavo SATA dell’unità alla scheda madre. Se vuoi cambiare il sistema operativo piuttosto che l’hardware, sei fortunato; l’avvio di Ubuntu 20.04 da una chiavetta USB non ha rivelato alcun problema, quindi la sostituzione di Windows dovrebbe essere molto semplice.

Recensione Huawei MateBook D15: Display e audio

Sia il display che gli altoparlanti montati sul D15 2020 erano un po' scadenti, quindi è un peccato che non siano stati affatto migliorati in questa iterazione. Lo schermo 1.920 x 1.080 IPS raggiunge una luminosità massima di soli 135 cd/m² (che è molto scarsa), con una copertura sRGB e un volume rispettivamente del 55,8% e del 57,2%. Anche la precisione del colore Delta E era piuttosto terribile a 6,04 e solo il rapporto di contrasto di 1.365:1 era in linea con quello che speravo.

Soggettivamente, sembra piuttosto migliore di quanto suggeriscono i numeri, aiutato dalle certificazioni Flicker-Free e Reduced Blue Light di TÜV Rheinland e una finitura opaca che riduce i riflessi. Il semplice fatto che lo schermo occupi circa l'87% dell’area della cover continua a stupire, così come le sottili cornici superiori e laterali da 5,3 mm, anche se sono un po' economiche.

Gli altoparlanti stereo sono un po' bassi, proprio come quelli del modello 2020. Sparano verso il basso, quindi suonano più incisivi quando il D15 è appoggiato su una superficie piana e solida, ma raccoglilo e le cose suonano del tutto meno impressionanti.

Recensione Huawei MateBook D15: prestazioni e durata della batteria

Il nuovo D15 viene fornito con l’ultimo processore Intel Core i5-1135G7 di 11a generazione, che è un componente quad-core con una velocità di clock di base di 2,4 GHz e un Turbo Boost di 4,2 GHz, insieme a 8 GB di RAM DDR4 a 3200 MHz dual-channel. Sottoposto al nostro benchmark multimediale 4K interno, il nuovo i5 D15 ha superato il modello AMD 2020 da 145 a 112.

Questo è il punteggio più alto che abbiamo visto da un processore i5 e suggerisce che la modalità Performance in PC Manager di Huawei (che ho usato per il test) fa quello che dice sull’etichetta. Per riferimento, in modalità Balanced, il D15 ha ottenuto 105. È la stessa storia anche quando si tratta del test Geekbench 5: il D15 ha ottenuto 1.402 single-core e 4.681 in multicore, che è una prestazione molto lodevole per un i5-based taccuino.

Non acquisti un laptop Core-i5 senza grafica discreta per i giochi, ma ho comunque eseguito i nostri soliti test Metro: Last Light Redux e DiRT: Showdown e alla risoluzione nativa dello schermo (di nuovo, in modalità Performance) sono riusciti a 33,5 fps e 36 fps rispettivamente. Questo non è poi così male e mostra che un po' di gioco leggero non è certamente fuori questione. Con una risoluzione ridotta di 1.280 x 720, Doom ha funzionato in modo abbastanza fluido tra 40 e 50 fps a seconda del livello di caos sullo schermo.

Recensione Huawei MateBook D15: Conclusione

Huawei non ha fatto enormi passi avanti con il nuovo D15, ma i piccoli passi compiuti sono sufficienti per mantenerlo molto vicino alla nostra lista di laptop economici consigliati per un altro anno, anche se il prezzo è aumentato e il il display non ha ricevuto l’aggiornamento di cui aveva assolutamente bisogno.

Lo strano inconveniente rimane, ovviamente, come il posizionamento ridicolo della webcam e la mancanza di qualsiasi forma di retroilluminazione della tastiera, ma preso nel complesso il MateBook D15 è comunque una macchina solida, intelligente, competente ad un buon prezzo. Qual è la parola che sto cercando? Oh, sì: decente.