Pros

  • Suono pulito, incisivo e senza squilli
  • Supporto per gruppi di altoparlanti Chromecast, AirPlay 2, Spotify Connect e Alexa
  • Correzione della stanza basata sull'intelligenza artificiale
  • Facile configurazione del Wi-Fi

Cons

  • I segnali surround dei driver laterali non sono così distinti
  • Solo due connettori HDMI
  • Nessun cavo HDMI nella confezione
Get in Now!

Specifiche

LG considera SP9YA una soundbar a 5.1.2 canali, quindi è un po' confuso quando si apre la scatola per trovare solo l’unità soundbar principale e il subwoofer wireless, ma nessun altoparlante surround wireless. Come accennato in precedenza, LG considera la coppia di driver ad accensione laterale dell’SP9YA come canali surround, rendendola una soundbar 5.1.2 anziché una configurazione 3.1.2. Come vedremo (e ascolteremo) in seguito, questi driver sul lato della soundbar non possono competere con altoparlanti surround separati. Fortunatamente, puoi aggiornare l’SP9YA utilizzando il kit di altoparlanti posteriori wireless SPK8-S da $ 180 di LG per una configurazione 7.1.2 completa, ma LG non ci ha fornito il kit per questa recensione.

In ogni caso, l’SP9YA dispone di un totale di 11 driver, di cui 10 nell’unità soundbar principale. I canali sinistro, destro e centrale hanno ciascuno i propri woofer di forma ovale (40x100 mm) e tweeter (anche 40x100 mm), che sono affiancati da woofer laterali circolari da 2,5 pollici che forniscono l’audio per i due canali surround. Sulla parte superiore dell’alloggiamento della soundbar sono presenti due potenti driver da 2,5 pollici che forniscono segnali di altezza per le colonne sonore Dolby Atmos e DTS:X. Infine, il subwoofer wireless ha un driver da 7 pollici.

I driver upfiring forniscono segnali di altezza Dolby Atmos e DTS:X facendo rimbalzare il suono dal soffitto, un’alternativa più semplice ed economica agli altoparlanti di altezza effettivamente installati nel soffitto. Ma mentre i driver upfiring sono una caratteristica comune delle soundbar Dolby Atmos e DTS:X, richiedono un certo tipo di soffitto per funzionare correttamente, vale a dire un soffitto piatto che riflette il suono con un’altezza compresa tra 7 e 14,5 piedi. Se hai travi del soffitto o un soffitto a volta, i driver upfire per Atmos o DTS:X non lo taglieranno; in questi casi, potresti stare meglio con una soundbar che utilizza la virtualizzazione per i segnali di altezza.

Misurando 48 x 2,2 x 5,7 pollici (LxAxP), l’SP9YA da 13,9 libbre è piuttosto largo, estendendosi per l’intera lunghezza del cabinet multimediale che contiene il mio TV OLED LG C9 da 55 pollici. Detto questo, la soundbar ha anche un profilo abbastanza basso, che le consente di sedersi sotto il mio set basso sfiorando a malapena il bordo inferiore dello schermo.

Nel frattempo, il subwoofer da 8,7 x 15,4 x 12,3 pollici e 13,9 libbre è di medie dimensioni per quanto riguarda i subwoofer wireless, il che significa che non è qualcosa che potresti (o vorresti) infilare discretamente accanto al tuo divano. Invece, è meglio da qualche parte dietro la TV, preferibilmente non troppo vicino a un muro.

Oltre a posizionare l’SP9YA davanti a una TV, puoi anche montarlo su una parete sotto la TV e, fortunatamente, LG fornisce sia una dima di montaggio che staffe a parete proprio per questo scopo.

Parlando di ciò che è incluso, LG fornisce un cavo ottico ma, come con le soundbar precedenti, nessun cavo HDMI. Certo, puoi prendere un cavo HDMI decente per meno di $ 10, ma è comunque un po' avaro, LG.

Ingressi e uscite

Le varie porte dell’SP9YA si trovano in una cavità posteriore destra e ne hai solo quattro: un ingresso HDMI, un’uscita HDMI che supporta HDMI-ARC/eARC, un ingresso ottico (Toslink) e una porta USB-A che può accedere file audio.

I due connettori HDMI della soundbar ti offrono un paio di opzioni in termini di connessione a una TV. Innanzitutto, è possibile collegare una sorgente video direttamente all’ingresso HDMI dell’SP9YA e quindi inviare sia video che audio dall’uscita HDMI della soundbar (è supportato il passthrough 4K HDR, incluso Dolby Vision) a uno degli ingressi HDMI della TV. Poiché c’è un solo ingresso HDMI, tuttavia, sarai limitato a collegare una sola sorgente video all’SP9YA. Francamente, dato il prezzo elevato dell’SP9YA, ci sarebbe piaciuto vedere almeno un ingresso HDMI aggiuntivo.

Impostare

Dopo aver posizionato la soundbar davanti alla TV o averla installata sotto la TV, la colleghi a una presa di corrente utilizzando un cavo prigioniero di circa 5 piedi, che termina (per fortuna) con una spina standard a due poli anziché una verruca da muro. Il subwoofer wireless viene pre-accoppiato con la soundbar e dovrebbe connettersi automaticamente una volta collegato. In caso contrario, puoi accoppiare manualmente la soundbar e il subwoofer, ma il processo di accoppiamento automatico ha funzionato perfettamente per me.

Mentre le soundbar LG con l’Assistente Google integrato utilizzano l’app Google Home per connettersi alla rete Wi-Fi, l’SP9YA (che non ha l’Assistente Google integrato, ne parleremo tra poco) effettua la connessione con la nuova soundbar LG app e il processo è stato impeccabile. Dopo averlo acceso sul mio iPhone e avergli concesso il permesso di utilizzare il Bluetooth, l’app ha trovato rapidamente SP9YA e mi ha chiesto di scegliere il mio SSID di rete e di inserire la mia password. Meno di un minuto dopo, la connessione è stata stabilita e il prompt della soundbar è apparso come un’opzione tra gli altri miei dispositivi AirPlay 2 e Chromecast.

Oltre alla configurazione Wi-Fi, SP9YA offre una funzione di calibrazione della stanza, che rileva l’acustica della tua stanza facendo rimbalzare i suoni dalle pareti e dai mobili. A differenza di Sonos Arc, che utilizza il microfono di un iPhone per eseguire le misurazioni, SP9YA utilizza il proprio microfono integrato per eseguire le letture di calibrazione. L’intero processo richiede solo pochi minuti e puoi confrontare i risultati con il suono della soundbar non calibrata. Sebbene il processo di calibrazione della stanza AI di LG non sia preciso come i sistemi di calibrazione più avanzati come Audyssey (che rileva le letture da otto posizioni del microfono), è una caratteristica gradita dato il prezzo dell’SP9YA.

Cast audio e integrazione della casa intelligente

Mentre alcune soundbar LG sono dotate di Google Assistant integrato, SP9YA non è una di queste; invece, semplicemente “funziona con” Alexa e Google Assistant. Ciò significa, tra le altre cose, che puoi controllare alcune delle funzioni della soundbar con comandi vocali, come “Alexa, abbassa il volume della soundbar LG” o “Ehi Google, salta traccia”, ma non puoi chattare con Google Assistant o Alexa direttamente tramite la soundbar.

Questa è la cattiva notizia. La buona notizia è che l’SP9YA è dotato di un’impressionante gamma di funzioni di casting e audio multi-room. Detto questo, non mi lamenterò troppo della mancanza di un assistente vocale integrato.

A partire da Alexa, puoi designare l’SP9YA come altoparlante “preferito” per una delle tue stanze o per l’intera casa, il che significa che Alexa può riprodurre automaticamente i brani sulla soundbar quando le chiedi di riprodurre musica. Puoi anche aggiungere la soundbar a un gruppo di altoparlanti Alexa, come “Soggiorno” o “Al piano di sopra”.

Preferisci Chromecast? SP9YA ti copre con il supporto Chromecast integrato, il che significa che puoi trasmettere musica alla soundbar da qualsiasi app o servizio abilitato per Chromecast e puoi anche aggiungere la soundbar a un gruppo di altoparlanti Chromecast. Quando trasmetti a SP9YA tramite Chromecast, puoi chiedere all’Assistente Google di alzare o abbassare il volume, saltare le tracce o riprodurre o mettere in pausa la musica.

Ancora meglio, SP9YA funziona anche con AirPlay 2, consentendoti di trasmettere l’audio alla soundbar da un iMac, iPhone, iPad o un altro dispositivo Apple e, in modo simile ad Alexa e Chromecast, puoi aggiungere la soundbar ai gruppi di altoparlanti AirPlay. Infine, l’SP9YA supporta anche il casting di Spotify Connect.

Modalità audio e prestazioni

L’SP9YA dispone di otto modalità audio, tra cui Cinema (che esegue l’upmix di tutte le sorgenti audio a 5.1.2, incluso l’audio stereo 2.0), Music (che utilizza la tecnologia Meridian per ottimizzare le prestazioni audio), Bass Blast (con l’upmix dei bassi e al contempo l’upmix di tutti sorgenti a 5.1.2), Clear Voice (per potenziare i dialoghi), Standard (che fornisce l’audio senza alcun upmixing e modifiche minime), Sports e Game. C’è anche un’ottava modalità, AI Sound Pro, che utilizza l’intelligenza artificiale per personalizzare il suono in base a ciò che stai ascoltando.

Ho iniziato il mio tour di ascolto con il Blu-ray UHD di Star Wars: The Empire Strikes Back, concentrandomi sulla sequenza della Battaglia di Hoth e sul capitolo Asteroid Chase. Prima di tutto, ho notato che l’SP9YA ha fornito alcuni dei migliori segnali di altezza Dolby Atmos che ho sentito da una soundbar. Cogli il momento in cui Luke lancia una granata contro un Imperial Walker, poi cade a terra e osserva le esplosioni a cascata sopra. Con l’SP9YA, ho potuto sentire la serie di raffiche smorzate con una precisione che raramente sento dalle soundbar con driver accesi. Lo stesso vale per il suono dei pezzi di ghiaccio che cadono dal soffitto mentre Vader e i suoi soldati entrano nella fatiscente base ribelle.

Oltre alla gestione dei segnali di altezza in Empire, ho anche apprezzato il modo in cui SP9YA (come alcune delle prime soundbar LG che ho sentito) non enfatizza il suono di fascia alta e bassa a scapito della gamma media; in effetti, coloro che preferiscono una firma più brillante da una soundbar (come quella che sentirai da Sonos Arc) potrebbe non apprezzare il suono più piatto di SP9YA. E mentre gli effetti a bassa frequenza della soundbar all’inizio suonavano un po' rimbombanti (in particolare il rombo del motore del Millennium Falcon mentre si allontanava dall’inseguire i TIE Fighters), abbassare il livello del subwoofer ha domato i bassi.

Passando all’UHD di Blade Runner (che, come Empire, ha una colonna sonora Dolby Atmos), mi sono goduto i distinti scrosci di pioggia mentre Deckard correva per ripararsi sotto la tenda del noodle bar, così come gli spinner fruscianti sopra e sotto quando Gaff ha consegnato Deckard al quartier generale della polizia. Anche l’UHD dell’Apollo 13 con il suo suono DTS:X ha impressionato, con bassi potenti, effetti di altezza nitidi mentre i motori del Saturn V ruggivano alla vita e un pop preciso mentre Lovell getta via la torre di fuga.

Ma mentre l’SP9YA ha funzionato bene in termini di segnali sonori, i suoi driver a fuoco laterale hanno fornito una risposta più silenziata quando si trattava di effetti surround. Ad esempio, il gorgoglio pre-lancio delle pompe del carburante nell’Apollo 13 non sembrava provenire da dietro il mio divano, mentre il lamento degli speeder ribelli su Hoth in Empire non sembrava mai sterzare dietro di me. I driver laterali sono riusciti ad ampliare il palcoscenico sonoro generale e ho avuto un vago senso dell’atmosfera surround, ma se vuoi segnali surround precisi dall’SP9YA, dovrai aprire il portafoglio per il pacchetto di altoparlanti posteriori opzionale.

Per provare alcuni contenuti non Dolby Atmos e DTS:X, ho creato il Blu-ray standard di Titanic, che ha una colonna sonora DTS-HD Master Audio. In coda al capitolo “Ode to Titanic”, ho campionato le varie modalità sonore; La modalità cinema suonava ampia ma esplosa e vuota (forse a causa dell’aggressivo upmixing dei canali di altezza), seppellendo anche il dialogo. Per le mie orecchie, AI Sound Pro suonava molto più naturale e coinvolgente, con la modalità Standard in esecuzione a un secondo vicino. Con AI Sound Pro abilitato, i pistoni nella sala macchine suonavano adeguatamente profondi e squilibrati, mentre il sibilo mentre la prua del Titanic tagliava l’acqua suonava nitido ma non acuto, e non copriva il “look look look!” di Dawson! come ha fatto notare i delfini.

Per la musica, ho iniziato riproducendo un FLAC a 24 bit/96 kHz di “Solar” di Chet Baker tramite la porta USB. Passando da una modalità audio all’altra, ho scelto di nuovo AI Sound Pro (la modalità Musica suonava più ampia ma troppo rimbombante, mentre la modalità Standard era un po' migliore ma ancora timida della modalità AI), e sono rimasto colpito dal pop della batteria, il dettaglio delle spazzole sui piatti, e il posizionamento dei tasti del pianoforte. Ben fatto.

Ho anche saltato qualche altra traccia trasmessa in streaming sia tramite Chromecast che tramite AirPlay 2. Ho sentito pennelli dei piatti dettagliati e vivaci da “The Ghost of Tom Joad” di Bruce Springsteen, nonché sequenze di tasti piacevolmente pulite dall’esecuzione di Vlado Perlemuter delle opere per pianoforte solo di Ravel ( che spesso suona sdolcinato su altre soundbar). Alla fine, il basso era perfetto in “Level Up” di Ciara, incisivo ma non prepotente, mentre la voce costante di Ciara era respirabile e organica piuttosto che indifferente (come suonano su altri sistemi).

Leonardo
Ho 20 anni, sono un consulente SEO e prima ancora un appassionato di tecnologia ,sono uno scrittore di contenuti profondamente interessato all'industria dei giochi